CONTROLUCE 1991-2014

a cura di Maria Savarese

Chiostro grande del complesso monumentale di Santa Maria la Nova.

dal 29 ottobre 2015 al 7 gennaio 2016.

Inaugurazione: ore 18.00

Napoli, Italia - 4 marzo 2013. Un incendio di vaste proporzioni ha coinvolto 4 padiglioni della Città della Scienza, il polo tecnologico costruito nell'area dell'ex Italsider di Bagnoli. - Ph. Salvatore Laporta Ag. Controluce

Napoli, Italia - 28 Gennaio 2012 - La protesta degli avvocati contro la riforma della professione che si sono imbavagliati durante la cerimonia di inaugurazione dell´anno giudiziario nel salone dei Busti presso la sede del tribunale di Napoli a Castel Capuano. Ph Salvatore Laporta Ag. Controluce

Una veduta aerea del centro della città di Napoli il 31 marzo 2009 - AG. CONTROLUCE PHOTO / MARIO LAPORTA

Oltre 646 africani sbarcano dalla nave militare italiana Comandante Foscari al porto di Napoli, 2015 - AG. CONTROLUCE PHOTO/MARIO LAPORTA

Castelvolturno, Italia, 9 novembre 2008. La cantante sudafricana Miriam Makeba durante il suo ultimo concerto a Castelvolturno. La cantante è deceduta poco dopo il suo arrivo all'ospedale. Il concerto anticamorra era stato organizzato per solidarietà con lo scrittore Roberto Saviano

Napoli, Italia - 14 Gennaio 2010 - Lo Squalo dell'artista Damien Hirst attorniato da giovani durante un concerto nella sala discoteca del Museo Madre a Napoli.

“Controluce 1991 – 2014”, a cura di Maria Savarese, espone fino al 7 gennaio 2016 60 fotografie, e ne proietta altre 800, alcune delle quali mai viste prima, frutto di una selezione operata all’interno dell’enorme archivio fotografico -oltre 400.000 immagini- dell’Agenzia Controluce che sin dalla sua nascita nel 1991 si è proposta come punto di riferimento per la copertura fotografica dei maggiori eventi del Sud Italia.

I 60 scatti ripercorrono la storia della città dal 1991 ai giorni nostri attraverso specifiche tematiche (politica, criminalità, cronaca nera, lavoro, sport, spettacolo, cultura, vedute aeree di Napoli, tradizioni popolari). L’altro nucleo centrale del progetto espositivo è la proiezione di 800 foto all’interno degli otto rosoni presenti nel porticato del chiostro. “Far rivivere i rosoni del chiostro di Santa Maria La Nova con immagini proiettate al loro interno – scrive Maria Savarese nel suo testo in catalogo – significa ridare vita ad uno spazio concepito per accogliere icone o dipinti. La scelta di proiettare anche alcune foto del Sud Italia significa ribadire l’antico ruolo di capitale cui Napoli ha assolto fino a due secoli addietro, e che in un certo senso assolve ancora”.

Al centro del racconto per immagini, lungo quasi 25 anni, Napoli, nel suo rapporto con i fotografi napoletani – Mario Laporta, Carlo Hermann, Salvatore Laporta, Alfonso Di Vincenzo, Roberta Basile, Alessio Buccafusca, tra gli altri – che seguono ogni giorno la vita pulsante della città, da testimoni oculari che hanno dismesso da tempo il concetto romantico di fotogiornalismo a favore di una testimonianza immediata e diretta.

Tenendo conto di un archivio sterminato, costruito per progressiva accumulazione, l’obiettivo principale dell’esposizione è di attraversare un ventennio, di fotografia e di cronaca: dal bianco e nero al colore, dall’analogico al digitale, dalla stagione di Bassolino a quella di De Magistris, estraendo da una parte le fotografie emblematiche, gli istanti essenziali entrati a far parte dell’immaginario collettivo; dall’altra, di affiancare a quanto già noto, storie apparentemente marginali, immagini spesso mai viste, poco riconoscibili, in grado di restituire al fotogiornalismo, a Napoli, al Sud e al racconto di questi ultimi venticinque anni, profondità e multifocalità visiva, quasi una sorta di tridimensionalità narrativa.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da arte’m con testi di Maria Savarese, Mario Laporta, Antonio Biasiucci, Fabio Donato e Cesare Accetta.

 

date   

dal 29 ottobre2015 al 7 gennaio 2016

orari   

dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 18.00. Chiuso lunedì.

CosmaCONTROLUCE 1991-2014